venerdì 13 marzo 2015

Il momento d'oro di Miriam Leone: non solo '1992', sarà su RaiUno con 'La dama velata'


Ha recitato quasi sempre in commedie, da I soliti idioti a Un passo dal cielo 2, da Fratelli unici a La scuola più bella del mondo. Ora Miriam Leone cambia decisamente registro e si cala in un mélo in costume con una forte vena di mistero, La dama velata.
Un ruolo molto diverso da quelli interpretati finora.
«Sì, è stato entusiasmante ma mi ha anche spaventato, ho l'ansia anche ora che deve andare in onda. Di fatto sono tre personaggi: la prima Clara vive in campagna ed è molto più libera, poi c'è la moglie di città e infine la dama velata. Il velo è la convenzione grazie alla quale non la riconosce nessuno, come il costume di Superman». 
Che donna è Clara?
«È uno spirito libero, con un animo molto moderno: ad esempio, sceglie di allattare la sua bambina, nonostante sia un'aristocratica, è proiettata al futuro e vuole cambiare le regole. È una di quelle donne, di cui la storia non ci ha consegnato il nome, che tra le mura domestiche hanno lottato silenziosamente per emanciparsi dalla società patriarcale». 
La fiction copre un arco temporale di 12 anni: come ha reso il cambiamento del personaggio nel tempo?
«Ho cercato sempre di tener presente lo sguardo: quello della giovane con il senso dell'invincibilità quando Clara ha 18 anni, poi quello della madre che si preoccupa prima di tutto della figlia, della folle quando viene avvelenata e infine lo sguardo spento della dama velata che non si fida più dell'uomo che ama». 
A breve la vedremo anche nella serie di Sky “1992”.
«Sì, sarò una showgirl disposta a tutto, che si costruisce delle protezioni per cercare di andare avanti, ma non si vuole bene e finisce per buttarsi via». 
Il prossimo anno sarà invece protagonista della fiction di Rai3 Non uccidere. Ce ne parla?
«È un poliziesco che giriamo a Torino, prodotto da FremantleMedia. Io interpreto una poliziotta, ma non posso aggiungere altro». 
Le manca la conduzione?
«No, ho scelto io di lasciare, perché avevo già cominciato a fare l'attrice e mi sembrava che stavo occupando una poltrona. Quando ti accorgi che un amore è finito non puoi mentire ai telespettatori».

Post più popolari